BOHEMIAN RAPSODY RECENSIONE

Bohemian rapsody è il film più visto del 2018 in Italia,  ha superato anche Infinity War.

Sul web e sulle riviste più importanti ho letto pareri molto discordanti. Nonostante la critica non abbia espresso un verdetto totalmente positivo, il film è piaciuto molto al pubblico, come dimostra anche il tomatometer del famoso sito di recensioni ( RottenTomatoes). Sicuramente Bohemian Rapsody è un film che trasmette molte emozioni, ancora più forti per chi conosce il gruppo e i loro dischi. Molti hanno lamentato le numerose incongruenze tra il film e la vera storia della band, secondo me sono state fondamentali per la buona riuscita del tutto che altrimenti sarebbe risultato inevitabilmente più monotono.

Il film affronta le tematiche più importanti che hanno caratterizzato la storia della band ma sopratutto la vita di Freddie che occupa il ruolo di maggiore rilievo nel film: l’omosessualità, il suo continuo “consumarsi” che lo porterà a contrarre la malattia, la diversità tra i membri del gruppo, il difficile rapporto tra Freddie e suo padre, il particolare legame con Mary. A fare da collante a tutto questo c’è l’incredibile MUSICA dei Queen che sembra sovrastare tutti i problemi e durante il LIVE AID anche la malattia passa in secondo piano lasciando l’attenzione ad una delle più grandi perfomance live di tutti i tempi.

Di grande impatto è la somiglianza degli attori con i veri membri della band; in particolare Rami Malek ci mostra una grande interpretazione di Freddie Mercury che culmina nella ricostruzione del concerto di Wembley nel quale riesce a dare la sensazione di vedere il vero Mercury sul palco, come se fossimo lì  nel 1985.

D’altra parte ci sono anche molti lati negativi come le già citate incongruenze che hanno scatenato le proteste dei fan più sfegatati, alcuni momenti morti, l’ aver trattato poco un argomento importante come quello della malattia e la sbagliata gestione del ruolo di Paul Prenter  che viene fatto apparire come il responsabile dello sbandamento del cantante.

Il film ha già ricevuto 2 candidature ai Golden Globe ma a farla da protagonista in fatto di riconoscimenti è l’attore protagonista Rami Malek che ha già ricevuto numerose candidature come miglior attore per diversi premi e non mi stupirei arrivasse anche quella all’oscar.

Bohemian Rapsody è un film che consiglio a tutti, sopratutto chi segue la band, in quanto gli spezzoni musicali e l’interpretazione di Rami sono molto emozionanti da vedere (mentre la vita di Freddie e alcune tematiche un po’ meno)

Annunci

90 ANNI DI TOPOLINO

“Se puoi sognarlo, puoi farlo. Ricorda sempre che questa intera avventura è partita da un topolino.” Walt Disney

90 anni fa usciva oggi il corto animato che ha reso famoso il personaggio di topolino, senza dubbio il simbolo mondiale dell’animazione e dei fumetti.

Questa celebre frase è   perfetta per descrivere questi 90 anni con Mickey Mouse.  Da quel 18 novembre 1928 ha fatto talmente tanta strada da diventare molto di più dell’incredibile sogno di Walt Disney. Non ha più smesso di evolversi e tutti abbiamo buone ragioni per credere che non finirà mai di farlo. Durante gli anni ha cambiato aspetto, ma dentro è rimasto sempre lo stesso personaggio nato dalla magica matita Walt Disney che ha preso ispirazione da un piccolo topo domestico che ” gli faceva visita” agli Studios, mentre era a lavoro. Il suo creatore ha rischiato la bancarotta per lui. Quando gli altri lo incitavano ad abbandonare il suo personaggio dopo gli incredibili flop iniziali, è andato avanti  capendo quanto di magico aveva il suo topo e cosa poteva diventare. In Italia, solo 2 anni dopo, è nato il primo giornale a lui dedicato e sull’onda del successo americano non ha più smesso di uscire in edicola, come ha fatto pochi giorni fa, con un numero speciale da collezione.

 

fedvvrgvtrgtr

Sono bastati tre cerchi, quelli della testa e delle inconfondibili orecchie, per creare il mito che ha influenzato intere generazioni. Compagno di mille avventure, esempio di buona volontà  Topolino è oggi celebrato e omaggiato in tutto il mondo che rende ancora una volta grazie a Walt Disney per aver creato qualcosa che nessuno potrà mai ripetere.

 

E’ MORTO STAN LEE: IL VERO SUPEREROE MARVEL

Se mi chiedessero di scrivere una lista delle persone che hanno lasciato una firma indelebile nel mondo del fumetto, Stan Lee, se non in cima, sarebbe tra i primi 3 dell’elenco. Leggendario sceneggiatore che ha creato i personaggi più illustri e conosciuti dei fumetti in tutto il mondo: Hulk, Iron man, Spiderman e moltissimi altri. Stan Lee creò questi personaggi durante un periodo di crisi negli stati uniti, realizzando un universo che attaverso le sue storie lottava contro la crisi ameriaìcana. Stan Lee è stato per la marvel molto di più che un semplice fumettista o uno sceneggiatore. E’ stato capace di rilanciare i suoi personaggi quando avevano perso popolarità negli anni 80 e 90 dando vita al progetto di rinascita cinematografica che continua tutt’ora e sta avendo un grandissimo successo: basti pensare che i film che la marvel ha fatto fin’ora raggiungono l’incasso complessivo di 12 miliardi di dollari. Per un breve periodo è stato presidente e anche editor chief ricoprendo ruoli importantissimi e diventando il simbolo di forza della sua casa editrice. Impossibile non citare il suo periodo d’oro: quei mitici anni 60′ durante i quali ha collaborato con moltissimi grandi artisti dando sfogo alla sua incredibile fantasia, così inesauribile e creando i personaggi che sarebbero poi entrati nella storia. La qualità o la capacità che ha avuto in più di tutti gli altri è stata quella di saper creare, agli albori del fumetto, dei supereroi molto umani, in cui il lettore è in grado di riconoscersi. Negli stessi anni ha affrontato l’incredibile concorrenza di un’altra casa editrice: la DC comics; lo ha quasi portato a mollare tutto, ma è stato anche grazie alla moglie che ha superato i dubbi e… sappiamo bene com’è andata a finire.

Anche negli ultimi anni ha saputo far brillare ancora la sua leggenda, con i numerosi cameo che chiunque conosce.

“Non ci sarà mai più un altro Stan Lee” ha dichiarato Chris Evans, uno degli attori principali del cast degli ultimi film targati marvel; E forse ha ragione, e mentre ci ripenso mi viene sempre in mente quel suo largo sorriso, sempre allegro e splendente e credo che tutti lo ricordino così.

WIZARDS OF MICKEY – LE ORIGINI#1

«Era il tempo delle leggende, dei maghi e degli eroi… Era il tempo dei Wizard of Mickey!»

Si tratta dell’inizio di una delle saghe più conosciute della Disney; primo posto assoluto tra le saghe Fantasy di Topolino è composta da ben 10 episodi realizzati da vari artisti molto importanti ( il Pastro, Perina, Gervasio, Mazzarello…) la saga ruota intorno al torneo dei maghi e al signore degli inganni: Macchia Nera. Nata dall’incredibile  genio dello sceneggiatore Stefano Ambrosio che riesce a portare il mondo Fantasy su Topolino con eleganza e senza esagerare, senza mai sbilanciarsi nè da una parte nè dall’altra.

Con questi episodi andremo a riguardarci episodio per episodio l’intera saga rivivendo uno dei capolavori del fumetto Disney italiano, per questa prima puntata ci limiteremo a conoscere i personaggi e gli elementi  più importanti che compongono il mondo magico dei WOM.

 I WIZARDS OF MICKEY: i protagonisti della storia, tre giovani maghi che s’incontrano per caso e si iscrivono al torneo dei maghi per risolvere i loro problemi dando vita ad’ una avventura fantastica.

 

I WIZARDS OF MICKEY

NEREUS: Il mago di Miceland, maestro di Topolino ex compagno di Macchia nera Il Signore Degli Inganni

Risultati immagini per wizard of mickey nereus

Il Team LUNA DIAMANTE: Sono la controparte femminile del trio protagonista, iscritte al torneo dei maghi per liberare l’incantesimo dal villaggio di Minni ( la leader) tramutato in pietra da macchia nera

 

jhytjtejhteyj.PNG

IL SIGNORE DEGLI INGANNI E BLACK PHANTOM: Macchia nera vuole conquistare la corona del mago supremo e accedere al regno dei draghi per arrivare ad un potere incontrastabile e per farlo si serve dei suoi scagnozzi

 

hnhtnhtnhtnhynn.PNG

Il Team Magma Fire:  Sono il trio di draghi più fiammeggiante del regno, riconoscendo il loro animo nobile fanno subito amicizia con i nostri eroi.

Risultati immagini per wizard of mickey  magma fire

I DIAMAGIC: Sono i cristalli con i quali si padroneggia la magia insieme formano la corona dello stregone supremoRisultati immagini per i diamagic

Questi, che vi ho elencato brevemente, sono i personaggi principali, il resto li vedremo più a fondo nei prossimi post Cookandcomics.

#FOCUS TOPOLITACA: CAPITOLO SECONDO

Analizziamo con più cura il secondo capitolo della storia-parodia dell’odissea. Topolino, ops scusate… Topodisseo finisce di raccontare il viaggio che li ha condotti dai Feaci: racconta come ha affrontato Circelia (nei panni di Amelia) grazie all’aiuto di Paperatena ( Paperina) che svela al nostro eroe il nome della pianta magica per annullare i poteri della strega: indovinato L’AGLIO!

Dopo i nostri tre amici vengono insidiati dalle Sirene; il topo dal multiforme ingegno dopo vari tentativi riesce a riportare i suoi amici sulla terra. Ma i guai non sono finiti, Rockerione ( Poseidone), che mira alla bisaccia di Topolino, li fa naufragare proprio alla corte dei Feaci.

Dopo un mega party di addio XD, il trio protagonista approda a Topolitaca e si nasconde nell’unica parte del territorio nella quale i Proci non osano avventurarsi ( i quali puntano al controllo dell’isola) : il cucuzzolo del Buzzurros ( Dinamite Bla).

Ecco che arriviamo alla scena finale dove topolino si introfula in incognito nel palazzo reale e sconfigge i Proci, battendoli nella prova con l’arco. Infine ci viene rivelato l’oggetto nascosto nella bisaccia di topolino: il primo romanzo della storia basato sulle avventure dei nostri eroi!

Una storia molto bella che tra risate e avventure ci insegna il valore di un racconto tramandato per secoli che non narra solo di antiche disavventure ma un po’ si rivolge a noi stessi che abbiamo il dovere di non dimenticare…

ALLA PROSSIMA COOKANDCOMICS!!!