CREED II – RECENSIONE (Spoiler)

Rocky contro Drago. Chi non ricorda quel film non può provare le stesse sensazioni in sala di chi l’ha visto. Ve li ritrovate faccia a faccia, dopo 33 anni, consunti dalla vita; troppo vecchi per il ring ci salgono sotto le spoglie dei loro allievi. Nonostante ciò i sentimenti e i pugni sono gli stessi che i due pugili scatenarono nel lontano incontro del 1985.

Creed II non è solo lo specchio di Rocky IV, non è solo il risveglio delle emozioni di quel film che rimescolate e rinfoltite tornano in campo. Adonis, il figlio di Apollo, è mosso dallo stesso desiderio di vendetta e di giustizia verso il padre che Balboa provò dopo la morte del suo migliore amico. Questa volta però c’è qualcosa di più: la presenza di una guida come quella di Rocky, il percorso di maturazione del pugile dopo la prima “sconfitta” e il consolidamento del legame tra Adonis e Rocky che è qualcosa di più di un semplice rapporto Pugile-Allenatore, è un ‘amicizia profonda legata dalla Boxe, non c’è Creed senza Balboa. Proprio questo è il nucleo della pellicola. Quando il ritorno di Drago incrina il rapporto tra i due, Creed perde e solo insieme al suo allenatore troverà la forza di indossare ancora i guantoni.

Si ripete, come nel primo capitolo, la fantastica interpretazione di Sylvester Stallone che ai tempi (2015) gli era valsa una nomination per la quale avrebbe meritato la statuetta. Impossibile non notare come il film si soffermi spesso sulla fragilità dello Stallone Italiano, come quando si addormenta mentre aspetta all’ospedale o non ha la forza di farsi aggiustare il lampione davanti casa. Anche il personaggio di Ivan Drago viene visto sotto una nuova luce, quella dello sconfitto che abbandonato dal suo Paese e dalla moglie vede nel figlio la possibilità di ritornare vincitore e solo all’ultimo, quando getta la spugna, capisce che non è quello di cui ha bisogno veramente.

Un bel film, ancor più per chi ha visto il quarto capitolo della saga di Rocky, che riesce a far emozionare, giocando tra presente e passato, nonostante ricalchi lo stile dei suoi predecessori.

creed_ii_2_stalone_jordan_in_ring_2018.0

Annunci

AQUAMAN – LA RECENSIONE

Dopo i numerosi fallimenti e gli altrettanti numerosi cambi di rotta la DC comics ha ormai stabilito la destinazione dei suoi film. Quest’ultima è opposta a quella di partenza che era caratterizzata da film dai toni cupi come Batman v Superman che avevano visto il tracollo della DCEU e il trionfo della Marvel che grazie ai film da cinefumetto aveva ( e continua a farlo) conquistato il pubblico.

E cosí che in casa DC hanno pensato, giá con Wonder Woman, di cambiare strada e di produrre pellicole con uno sfondo meno grave e serio di quelle precedenti. Aquaman incarna il simbolo di questo cambiamento proponendo un film divertente, colorato, dai tratti Fantasy che si basa per di piú sul tema dell’eredità.Il tutto è affidato a James Wan ( re degli Horror). Il regista di Saw non cade nell’errore di voler dimostrare che Aquaman non sia un personaggio sottovalutato bensí ci scherza sopra, superando l’ostacolo. Inoltre non riesce a negarsi una scena di paura all’interno del film rendendola una dei momenti migliori di tutti i 143 min.

La trama, connotata da uno stile Fantasy, semplice ma “quasi” mai noiosa tratta vari temi che ancora per merito del regista, sono ben riassunti nelle due ore e venti di film. Lo scegliere tra la famiglia e il bene del proprio popolo, la ricerca di un’identità, il tema del viaggio, dell’unione apparentemente impossibile tra due mondi e tanti ( ripeto tanti) effetti speciali, quasi a voler creare un’atmosfera surreale, plasmano un prodotto discreto che riporta sui giusti binari il progetto DC.

Il personaggio meglio riuscito, Orm , si nasconde dietro ad una maschera, per quasi tutto il film, che si rompe alla fine della proiezione mostrando un figlio tradito e ferito da una grave perdita. Ben calibrato il rapporto tra i due protagonisti del film ( tranne in alcuni dialoghi e in alcune scene) attorno ai quali ruota la vicenda. Anche il resto dei personaggi seppur di minor qualità sembrano ben gestiti all’interno della trama e nessuno di essi la sovraccarica.

Il film che possiamo definire come il classico cinefumetto con una buona storia, divertente, sbruffone e dal tocco Fantasy merita un giudizio positivo.

Voto: 7

BOHEMIAN RAPSODY RECENSIONE

Bohemian rapsody è il film più visto del 2018 in Italia,  ha superato anche Infinity War.

Sul web e sulle riviste più importanti ho letto pareri molto discordanti. Nonostante la critica non abbia espresso un verdetto totalmente positivo, il film è piaciuto molto al pubblico, come dimostra anche il tomatometer del famoso sito di recensioni ( RottenTomatoes). Sicuramente Bohemian Rapsody è un film che trasmette molte emozioni, ancora più forti per chi conosce il gruppo e i loro dischi. Molti hanno lamentato le numerose incongruenze tra il film e la vera storia della band, secondo me sono state fondamentali per la buona riuscita del tutto che altrimenti sarebbe risultato inevitabilmente più monotono.

Il film affronta le tematiche più importanti che hanno caratterizzato la storia della band ma sopratutto la vita di Freddie che occupa il ruolo di maggiore rilievo nel film: l’omosessualità, il suo continuo “consumarsi” che lo porterà a contrarre la malattia, la diversità tra i membri del gruppo, il difficile rapporto tra Freddie e suo padre, il particolare legame con Mary. A fare da collante a tutto questo c’è l’incredibile MUSICA dei Queen che sembra sovrastare tutti i problemi e durante il LIVE AID anche la malattia passa in secondo piano lasciando l’attenzione ad una delle più grandi perfomance live di tutti i tempi.

Di grande impatto è la somiglianza degli attori con i veri membri della band; in particolare Rami Malek ci mostra una grande interpretazione di Freddie Mercury che culmina nella ricostruzione del concerto di Wembley nel quale riesce a dare la sensazione di vedere il vero Mercury sul palco, come se fossimo lì  nel 1985.

D’altra parte ci sono anche molti lati negativi come le già citate incongruenze che hanno scatenato le proteste dei fan più sfegatati, alcuni momenti morti, l’ aver trattato poco un argomento importante come quello della malattia e la sbagliata gestione del ruolo di Paul Prenter  che viene fatto apparire come il responsabile dello sbandamento del cantante.

Il film ha già ricevuto 2 candidature ai Golden Globe ma a farla da protagonista in fatto di riconoscimenti è l’attore protagonista Rami Malek che ha già ricevuto numerose candidature come miglior attore per diversi premi e non mi stupirei arrivasse anche quella all’oscar.

Bohemian Rapsody è un film che consiglio a tutti, sopratutto chi segue la band, in quanto gli spezzoni musicali e l’interpretazione di Rami sono molto emozionanti da vedere (mentre la vita di Freddie e alcune tematiche un po’ meno)